Ci avviciniamo verso un’altra grande crisi finanziaria. A lanciare la previsione il finanziere George Soros.

“L’Unione europea è impantanata in una crisi esistenziale, e nell’ultimo decennio tutto quello che poteva andare storto è andato storto. Com’è possibile che un progetto politico che ha sostenuto la pace e la prosperità dell’Europa dopo la guerra sia arrivato a questo punto?”.

Il presidente del Soros Fund Management e della Open Society Foundations, nel libro “La Tragedia dell’Unione europea: disintegrazione o rinascita”parla del futuro dell’Ue, non certo roseo.
“L’Ue deve affrontare tre problemi urgenti: la crisi dei rifugiati, la politica di austerità che ha rallentato lo sviluppo economico e la disintegrazione territoriale, di cui la Brexit è esempio emblematico”.

“Fino a poco tempo fa, si sarebbe potuto affermare che l’austerità sta funzionando: l’economia europea è in graduale ripresa e l’Europa non deve far altro che continuare su questa strada. Guardando avanti però l’Europa si trova ora ad affrontare il fallimento dell’accordo sul nucleare iraniano e la distruzione dell’alleanza transatlantica che è destinata ad avere un effetto negativo sulla sua economia e causare ulteriori stravolgimenti. La forza del dollaro sta già accelerando una fuga dalle valute emergenti e c’è il rischio che si vada incontro ad un’altra grave crisi finanziaria (…) L’Ue deve intraprendere un’azione drastica per sopravvivere alla sua crisi esistenziale: in altri termini , l’Ue deve reinventare se stessa (..) La trasformazione della Comunità del carbone e dell’acciaio nell’Unione europea è stata una decisione imposta dall’alto e ha funzionato a meraviglia. Ma i tempi sono cambiati. La gente comune si sente esclusa e ignorata, e per questo ora bisogna guardare a una forma di collaborazione che coniughi l’approccio verticistico delle istituzioni europee con le iniziative dal basso che servono a coinvolgere l’elettorato”.

WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com