112Che cosa sono gli ETF o Exchange Traded Products?

Gli ETF, conosciuti anche come Exchange Traded Products, sono particolari mutui-prestiti-assicurazioni.it/quali-vantaggi-dei-fondi-comuni/”>fondi d’investimento o Sicav a gestione passiva.

Potremmo descrivere un ETF come un paniere di titoli diversi (azionari, obbligazionari, sulle materie prime etc) che replica la performance e quindi il rendimento di un dato indice di riferimento (indice benchmark).

Per questo motivo vengono anche detti “replicanti” e si distinguono in quanto strumenti gestione passiva.

Gli ETF, insieme ai fondi comuni e ai comparti Sicav, sono gli unici strumenti di investimento immuni al rischio fallimento della società emittente.

Il patrimonio in gestione degli ETF è infatti custodito da una banca depositaria esterna alla banca emittente, che secondo quanto stabilito da mutui-prestiti-assicurazioni.it/limpegno-banca-ditalia-leducazione-finanziaria/”>Banca d’Italia, deve avere una dotazione patrimoniale superiore ad una prestabilita soglia minima.

Per definizione, la banca depositaria si occupa quindi della custodia del patrimonio e garantisce i criteri di separatezza contabile, nonché i principi di correttezza e di trasparenza amministrativa.

In questo modo il patrimonio della banca emittente sarà separato da quello della depositaria e anche in caso di fallimento dell’emittente, i capitali investiti in ETF non potrebbero mai essere utilizzati dalla banca per colmare i propri debiti. Un vantaggio in più, di estrema rilevanza.

Investire in ETF permette di diversificare l’investimento, di conseguenza diminuire i rischi; ridurre i costi di gestione, perché l’investitore non deve pagare alcuna commissione di “entrata”, “uscita” o “performance”; contare sulla forte liquidità dello strumento, ovvero la facilità di compravendita degli ETF, scambiati all’interno dei principali mercati azionari mondiali durante tutto l’arco della giornata, proprio come una semplice azione; non esporsi al rischio di insolvenza, poiché il patrimonio investito negli ETF viene restituito anche in caso di fallimento delle società che ne curano l’attività, in quanto strumenti a patrimonio separato rispetto a quello societari.

Che cosa sono gli ETF e quale la loro tassazione.

Agli ETF viene applicata un’aliquota pari al 26%, sui redditi da capitale e sui redditi diversi di natura finanziaria.

Eccezion fatta per gli ETF che investono in titoli pubblici italiani (obbligazioni e altri titoli di cui all’art. 31 DPR 601/1973) ed equiparati e derivanti da titoli pubblici di Stati esteri appartenenti alla cosiddetta White List, per i quali vale l’aliquota del 12,5%.


Lascia un commento

WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com