class="post-template-default single single-post postid-22854 single-format-standard wp-custom-logo wp-embed-responsive sek-hide-rc-badge col-3cm boxed topbar-enabled header-desktop-sticky header-mobile-sticky unknown">

Come calcolare buoni fruttiferi postali

Come calcolare il rendimento dei buoni fruttiferi postali?

I buoni fruttiferi postali (Bfp) sono titoli che garantiscono la restituzione del capitale versato, maggiorato degli interessi eventualmente maturati. I buoni fruttiferi postali sono un’esclusiva delle Poste Italiane: si tratta di titoli emessi dalla Cassa depositi e prestiti, società per azioni a partecipazione statale controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze.

I buoni postali, pertanto, sono garantiti direttamente dallo Stato e vengono collocati presso gli uffici delle Poste Italiane. I buoni postali sono strumenti finanziari equiparabili ai Buoni del Tesoro (Bot) ma, a differenza di questi ultimi, la cui oscillazione sul mercato può comportare dei rischi per l’investitore, sono sicuri perché sono sempre rimborsati al loro valore nominale: in altre parole, il capitale versato viene sempre restituito.

I titoli delle Poste Italiane, con il passare del tempo, maturano degli interessi: questo significa che, al capitale inizialmente investito, si aggiunge un’altra piccola somma. Interessi e tempo sono direttamente proporzionali: maggiore sarà il vincolo che lega il titolo alle Poste, maggiori saranno gli interessi.

I buoni fruttiferi postali sono sempre rimborsabili: questo significa che, se il risparmiatore ha bisogno di liquidità, potrà recarsi all’ufficio postale e chiedere il ritiro della somma depositata. Questa gli verrà immediatamente (o quasi) restituita, senza interessi.

Come calcolare quanto rendono i buoni fruttiferi postali

Il primo metodo, molto pratico e semplice, è quello di visitare il sito istituzionale delle Poste Italiane ed inserire, nell’apposita pagina, i dati del proprio buono. Lo schema chiede che vengano indicati:

la data della sottoscrizione;
la data del rimborso;
la tipologia del buono, da selezionare tra i tanti che il menu a tendina mostra;
la “divisa”, cioè la valuta (euro o lira);
l’importo.

Lo stesso si può fare recandosi sul sito istituzionale della cassa depositi e prestiti, cioè della società per azioni a partecipazione statale controllata dal Ministero dell’Economia e delle Finanze che emette i buoni postali.
Anche qui si possono scegliere le caratteristiche del proprio buono e giungere, infine, al calcolo del rendimento.

Un altro metodo che ci consente di calcolare i buoni postali senza ricorrere a particolari aiuti è quello di conoscere le condizioni di sottoscrizione degli stessi. Infatti, prima dell’emissione del titolo, al cliente vengono fornite tutte le informazioni necessarie per effettuare un consapevole investimento: tra queste, anche il rendimento del buono postale.

Ad esempio, nella categoria dei buoni postali a breve termine ci sono i buoni postali a diciotto mesi. Gli interessi sono minimi, ma c’è il vantaggio di poter incassare i buoni senza dover attendere tempi biblici.
Il diritto al riconoscimento degli interessi matura già dopo i primi sei mesi. Di semestre in semestre, il tasso fisso di interesse dei buoni a diciotto mesi aumenta:

per il primo semestre l’interesse annuo è dello 0,10%;
per il secondo semestre l’interesse annuo lordo è dello 0,15%;
per il terzo semestre l’interesse annuo lordo è dello 0,20%.

Un paio di semplici calcoli permetteranno di scoprire a quanto ammonta complessivamente il buono dopo un determinato periodo di tempo dalla sottoscrizione.
Lo stesso si può dire per I buoni postali 3×4 i quali, a differenza dei buoni a diciotto mesi, rientrano tra i titoli a media o lunga durata, in quanto si tratta di un investimento fino a dodici anni.
È uno strumento molto interessante perché abbina le caratteristiche dell’investimento a lungo termine a quelle tipiche dei buoni più “agili”, come quelli a breve durata. Gli interessi maturano al completamento di ogni triennio.
Il buono postale 3×4 può essere rimborsato ogni tre anni (cioè dopo tre, sei e nove anni) con il riconoscimento degli interessi maturati al compimento di ciascun triennio. I rendimenti sono i seguenti:

alla fine del terzo anno: 0,30%;
alla fine del sesto anno: 0,75%;
alla fine del nono anno: 1,25%;
alla fine del dodicesimo anno: 1,50%.

Anche in questo caso, calcolare i buoni postali sarà semplicissimo: basterà aggiungere le percentuali sopra indicate al capitale inizialmente investito.

Potrebbero interessarti anche...