class="post-template-default single single-post postid-22577 single-format-standard wp-custom-logo wp-embed-responsive sek-hide-rc-badge col-3cm boxed topbar-enabled header-desktop-sticky header-mobile-sticky unknown">

Def 2018: Rischio pesante manovra correttiva

Def 2018, con nuove stime deficit rischio pesante manovra correttiva. Strada sempre più ripida per il Def 2018, Documento di economia e finanza: con la revisione al rialzo del rapporto deficit – Pil comunicata dall’Istat, il rischio che i conti pubblici italiani non trovino il gradimento da parte di Bruxelles si fa maggiore.

Def 2018 in rialzo

L’Istituto nazionale di statistica ha rivisto al rialzo dall’1,9% al 2,3% il rapporto deficit – Pil, un valore superiore alle indicazioni contenute nell’aggiornamento al Def 2018, dove il deficit 2017 era previsto al 2,1% del Prodotto interno lordo.

Il nuovo dato comprende l’impatto delle operazioni sulle banche in difficoltà, fra cui le ex popolari venete, che pesano per circa 6,3 miliardi sull’indebitamento 2017: a confronto con il 2016, quando il rapporto era del 2,5%, comunque l’incidenza dell’indebitamento sul Pil migliora. Sale anche secondo l’Istat, il rapporto debito – Pil, che il 1 marzo era stimato al 131,5% e arriva ora al 131,8 per cento, maggiore rispetto al 131,6% della Nota di aggiornamento al Def 2018.

Def 2018 e la nuova politica finanziaria

Con queste percentuali, sono più stretti i margini per mettere in campo interventi di politica economica di vasta portata, come il reddito di cittadinanza o la flat tax. Scrivere la parte programmatica del Def 2018 spetterà al nuovo governo. Ma sulla base dei numeri ottenuti al Parlamento, Lega e Movimento 5 Stelle spingono per lasciare già ora, almeno nelle risoluzioni al Def, la propria traccia, con un riferimento ai provvedimenti su cui più hanno puntato in campagna elettorale.

I rischi della manovra correttiva

Ma il rischio maggiore dietro le nuove percentuali su deficit e debito è che in sede europea i conti italiani possano dover passare per una manovra correttiva. Che potrebbe essere più pesante rispetto ai 3,5 miliardi di correzione ipotizzati lo scorso autunno, che erano stati calcolati a partire dal presupposto che il deficit 2017 fosse al 2,1% del Pil.

 

Potrebbero interessarti anche...