La migliore azienda italiana è la Ferrero. Così almeno secondo la classifica stilata dall’Italy RepTrak del Reputation Institute che, giunto alla sesta edizione, misura la reputazione delle 150 aziende più apprezzate in Italia.

Seconda è la Ferrari seguita da Walt Disney, Lavazza, Canon, Samsung, Lego.

In fondo alla classifica troviamo il colosso fondato da Jeff Bezos Amazon, Pirelli e il brand di alta moda Giorgio Armani.

Reputation Institute basa la sua classifica sulle ricerche e sondaggi di una rete di 350 chief communications officer a livello globale e per quest’anno emerge che la reputazione delle aziende in Italia è scesa di 3,5 punti percentuali rispetto all’indice dello scorso anno, portando il valore medio al punteggio di 67,3 punti/100. In generale, secondo gli standard di Rep Trak, una reputazione eccellente è rappresentata da un punteggio complessivo di 80 punti o superiore, un punteggio di 70-79 è considerato forte, 60-69 è media, mentre 40-59 è debole.

Crolla il settore telco (-7,8%), seguito dalla reputazione di banche (-3,8) e assicurazioni (-2,3). Battuta d’arresto anche dell’automotive (-3%) alle prese con le crisi legate alle emissioni. Nella classifica crolla la reputazione di alcuni big come Amazon (-4,7) e Ikea (-7,1) seguite da Apple (-10,4) e Facebook (-9,1), per via delle crisi legate alla poca trasparenza dimostrata. Google è in 11esima posizione, Microsoft 28esima, Facebook solo 144esima. Dalla speciale classifica stilata da Rep Trak, emerge che i settori che godono della migliore reputazione sono l’elettrico e l’elettronica, seguiti da lusso, beverage e food.

 

WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com