Grecia, strigliata con ultimatum della Commissione UE
Dopo l’Italia l’Unione Europea tira le orecchie anche alla Grecia. Ad Atene viene chiesto di andare avanti con decisione sulle riforme altrimenti rischia di perdere 750 milioni di euro di aiuti. La Grecia, il vero anello debole dell’area euro al contrario dell’Italia che resta la terza potenza economica del blocco, torna quindi sotto i riflettori dei mercati finanziari.
Nel giorno in cui la Commissione Europea ha criticato la manovra italiana, dicendo che peggiora la già difficile situazione economica e di bilancio del paese, il commissario per gli Affari Economici e Finanziari ha rivolto parole dure nei confronti del governo greco.

Richiamo severo di Moscovici alla Grecia

Grecia, ultimatum Moscovici: implementare riforme o sono guai
Pierre Moscovici, che di solito ha un approccio morbido nei confronti della Grecia, ha avvertito che la Grecia è “pericolosamente in ritardo” nell’implementazione delle riforme concordate con i creditori esterni. Negli ultimi dieci anni la troika ha salvato tre volte il paese offrendo quasi 300 miliardi di euro in cambio di riforme lacrime e sangue e tagli draconiani all’insegna dell’austerity.
Se Atene non accelera l’implementazione delle riforme prima del prossimo summit dei ministri delle Finanze dell’area euro (l’Eurogruppo), dovrà rinunciare a €750 milioni di profitti provenienti dai bond. Il rapporto della Commissione Ue sulla Grecia sarà uno dei dossier caldi insieme all’Italia nella riunione dell’11 marzo.

“Riguardo alla Grecia, il secondo rapporto di Sorveglianza mostra che sono stati fatti progressi significativi, ma che ci sono alcune aree in cui sono necessari altri sforzi. Esorto le autorità a completare queste misure prima del prossimo Eurogruppo”, ha scritto Moscovici in un tweet (vedi sotto).
I proventi che l’organo esecutivo europeo minaccia di prendere di mira fanno parte dei 4 miliardi e 800 milioni di euro di profitti derivanti dai bond greci detenuti dall’Eurozona. Ci sono sedici riforme che il governo Tsipras, di sinistra, deve ancora completare. L’ultimo riguarda uno dei problemi più annosi, che guarda caso la Grecia condivide con l’Italia: i crediti deteriorati delle banche.

Concerning #Greece, the second enhanced surveillance report published today shows significant progress but also some areas in which further efforts are needed, and I urge the authorities to complete these in time for the next #Eurogroup
— Pierre Moscovici (@pierremoscovici) February 27, 2019

L’articolo Grecia, strigliata con ultimatum della Commissione UE sembra essere il primo su Wall Street Italia.

WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com