class="post-template-default single single-post postid-23555 single-format-standard wp-custom-logo wp-embed-responsive sek-hide-rc-badge col-3cm boxed topbar-enabled header-desktop-sticky header-mobile-sticky unknown">

Miliardario con le criptovalute

Imprenditore cinese è sicuro di battere suo idolo Buffett e diventare miliardario con le criptovalute.

Warren Buffett, si sa, è un investitore che ama il business tradizionale e “concreto”. È uno che sa innovare e reinventarsi ma che preferisce investire in gruppi dai fondamentali solidi e maggiormente associabili all’economia reale, come Heinz e Coca-Cola. Grandi e ricchi finanzieri, come George Soros o la famiglia Rockefeller, lo hanno preceduto investendo nel mondo con grandi potenzialità ma anche rischi – delle criptovalute.

Sam Ling, imprenditore cinese ha intenzione di diventare miliardario con le criptovalute. Ling e il suo partner d’affari hanno speso 2 milioni e 350 mila dollari in un pranzo privato con Buffett nel 2015 nella speranza di ottenere qualche consiglio di investimento e di imprenditoria utile dall’Oracolo di Omaha.

Se da un lato Buffett, che vanta un patrimonio del valore di circa $85 miliardi secondo i calcoli di Forbes, ha sempre espresso scetticismo sull’universo delle criptovalute, arrivando a mala pena a riconoscere le potenzialità della tecnologia blockchain, che invece viene riconosciuta dalla maggioranza degli analisti, dal momento che può essere integrata nei settori più disparati dell’economia reale e già esistente, dall’altro Ling è un grande “believer” nelle crypto.

L’iprenditore cinese scommette che il suo indice delle criptovalute farà meglio del portafoglio di Buffett nel giro di dieci anni. La scommessa ricorda da vicino quella fatta – e vinta, manco a dirlo – da Buffett tempo fa su chi avrebbe ottenuto i rendimenti maggiori tra lui e l’industria dei fondi hedge. Una scommessa da un milione di dollari, guarda caso sempre sull’arco di dieci anni.

Uno dei grandi problemi delle criptovalute e di chi vuole investire in esse è che sono troppo volatili, per questo stiamo per lanciare indici legati alle criptovalute”, ha annunciato Ling alla CNBC. “Negli ultimi sei mesi il nostro indice ha subito cali inferiori rispetto al Bitcoin” durante la sua fase pesantemente ribassista e ha fatto meglio durante i periodi positivi del 50-80%”.

La famiglia di indici “BB Index”, che racchiude 26 indici legati al settore raggruppati per capitalizzazione di mercato, strategia, categoria, presenta un’offerta per tutti i gusti. Si va dal Blockchain Top 50 ex top 20 Token Index”, che è concentrato sugli asset a capitalizzazione moderata, al “Blockchain Top 7 Index” che invece è dedicato alle criptovalute con la capitalizzazione più elevata, come Bitcoin, Ether, Ripple, Bitcoin Cash.

Potrebbero interessarti anche...