class="post-template-default single single-post postid-22924 single-format-standard wp-custom-logo wp-embed-responsive sek-hide-rc-badge col-3cm boxed topbar-enabled header-desktop-sticky header-mobile-sticky unknown">

Prestiti a Isernia con tassi usurai. Sette arresti.

Le offerte di prestito e di cessione del quinto in Italia sono tante e spesso molto vantaggiose le une dalle altre. Ma capita che chi non ha i requisiti per richiedere un prestito o una cessione del quinto, ricorra ad altre forme di prestito con tassi fino a 1200%. E’ successo a Isernia, dove le forze dell’ordine hanno fatto sette arresti e diverse denunce.

Ad essere truffati non sono solo le persone che richiedono questi prestiti. Le agenzie di prestito e cessione del quinto a Isernia hanno subito lo stesso danno in quanto finanziamenti illeciti creano un danno al mercato legale dei prestiti e delle cessioni del quinto.

In carcere sono finiti i componenti della famiglia rom Morello, accusati dalla polizia anche di spaccio, estorsione e rapina nell’ambito dell’operazione ‘Black Money’ scattata alle prime luci 9 gennaio 2018.

E’ stata una richiesta disperata di aiuto, ciò che di fatto ha consentito alla polizia di Isernia di avviare l’indagine che ha permesso di smantellare un’organizzazione criminale dedita non solo allo spaccio di droga, ma anche all’estorsione, alle rapine e, soprattutto all’usura.

Un’operazione imponente, che insieme agli agenti della Mobile ha visto impegnati anche sei equipaggi dell’Anticrimine di Pescara, due dell’Unità Cinofili di Napoli e i vigili del fuoco di Isernia.

Quindici le vittime accertate che, superando paura e vergogna, hanno trovato il coraggio di denunciare. Dall’inchiesta, partita nell’estate del 2016, è emerso che la famiglia rom prestava soldi a strozzo pretendendo in cambio, anche con le minacce e la violenza, tassi di interesse che partendo dal 350 per cento potevano arrivare perfino al 1.200 per cento. Emblematico uno dei casi accertati. A fronte di un prestito iniziale di mille euro, è stata chiesta la restituzione di 50mila euro nel giro di un anno e mezzo.

Secondo quanto emerso dalle indagini, prima di ottenere il prestito veniva stabilito un piano di ammortamento del debito. La restituzione doveva avvenire in un’unica soluzione, mentre l’importo delle rate (settimanali o mensili) era relativo esclusivamente agli interessi passivi. Quando però le scadenze non venivano rispettate, scattava la dilazione delle rate, ma con l’aumento del tasso di interesse in misura esponenziale. Chiaro che i debitori non riuscivano quasi mai a rispettare le scadenze. Un sistema ‘a vortice’ che non consentiva di saldare mai il dovuto.

 

Se hai bisogno di un prestito, o di una cessione del quinto a Isernia come nel resto dell’Italia trovi tantissime agenzie legali, cessione del quinto e prestiti anche per lavoratori atipici 

 

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento