Cosa c’entrano le vacanze con la surroga? Eppure esiste una connessione più o meno stretta tra le due cose, riassumibile sostanzialmente con un concetto: il risparmio. E sì, perché se i soldi delle vacanze proprio non si sa dove andare a racimolarli, allora ecco un’idea per pagarsi non solo un viaggio, ma concedersi ben altro lungo l’intera durata di un mutuo. Surrogare un finanziamento stipulato qualche anno fa a un tasso sicuramente alto rispetto a quelli che attualmente offre il mercato rappresenta un’occasione unica per ottenere un risparmio eccezionale: fino quasi 100.000 euro in 20 anni.

Sono evidenti le grandi differenze tra i tassi degli anni passati e quelli attuali, che permettono persino di sostituire mutui erogati oltre dieci anni fa, ottenendo comunque un risparmio intorno ai 20.000 euro.

Per chi ancora non la conoscesse, la surrogazione o surroga, detta anche portabilità, è una procedura semplificata per trasferire il proprio mutuo da una banca a un’altra con la possibilità di modificarne i parametri quali tipo, tasso, durata.

L’operazione di surroga non ha dunque alcun costo per il cliente: non possono essere imposte spese o commissioni per la concessione del nuovo mutuo, per l’istruttoria e per gli accertamenti catastali, che si devono svolgere secondo procedure di collaborazione interbancaria improntate a criteri di massima riduzione dei tempi, degli adempimenti e dei costi connessi. Inoltre la vecchia banca è obbligata ad accogliere la richiesta di surrogazione.

Un ulteriore effetto positivo della surroga è la riduzione della rata e della durata residua del mutuo, che oltre a costare molto meno avrà anche un minor peso sulle uscite mensili e potrà essere rimborsato in minor tempo rispetto al mutuo originario.

Sullo stesso portale è possibile con una semplice simulazione trovare la soluzione di surroga più conveniente in base alle proposte del giorno delle banche convenzionate, perché confronto e scelta sono fasi necessarie per evitare costi eccessivi e garantirsi un risparmio di cui poter godere per l’intera durata del mutuo.

A titolo di esempio, un mutuo di 120 mila euro a 20 anni stipulato nel 2013 al tasso fisso del 5,57% con una rata mensile di 830 euro, 17 anni residui di durata e interessi residui di 60.042 euro, può essere surrogato per il suo capitale rimanente di 109.322 euro con un mutuo surroga al tasso fisso dell’1,40% della durata di 15 anni, con una rata mensile di 674 euro, interessi totali per 11.944 euro e un risparmio totale di 48.098 euro. Quante vacanze si perdono con una cifra così importante? Molte, verrebbe da dire.

Vi è venuta voglia di vacanza? Su Booking, è possibile trovare i prezzi più convenienti per i tuoi viaggi in giro per il mondo.

 

WP2Social Auto Publish Powered By : XYZScripts.com