Risparmio e italiani: sale quota depositi, crollano bond bancari
Il risparmio delle famiglie italiane è stato dirottato in misura crescente nei porti ritenuti più sicuri in assoluto. I depositi bancari innanzitutto: in crescita del 2,9% rispetto allo stesso periodo di un anno fa, i depositi costituiscono ora il 32,5% del totale delle attività finanziarie delle famiglie, in aumento dal 30,8% di un anno fa. E poi salgono gli investimenti sulle polizze vita, fondi pensione e Tfr: +2,3% fanno sapere i dati dell’Abi.
Tutte le altre categorie d’investimento sono state ridotte rispetto all’aprile di un anno fa, con un colpo particolarmente duro per le obbligazioni bancarie colpite dall’onda lunga del rischio bail-in (-38%). Male, in generale, i bond (-13,3%), le azioni (-11,7%) le quote in fondi comuni (-0,8%). Dopo i depositi e le polizze vita/fondi pensione (22,9%), sono le azioni l’attività finanziaria più rilevanti: il 21,6% del totale, per quanto in diminuzione rispetto al 23,8% di un anno fa.
Una più corretta allocazione delle risorse
Un segnale di sfiducia e in qualche modo una risorsa del Paese sottoutilizzata. Indirizzare il risparmio privato, infatti, sarebbe stato l’obiettivo dei Conti individuali di risparmio (Cir) annunciati dal governo con dovizia di particolari lo scorso ottobre, previsti per il lancio con il decreto fiscale e poi scomparsi dall’agenda senza spiegazioni. (Le segreterie ministeriali dei promotori dei Cir, Armando Siri, Massimo Garavaglia e Massimo Bitonci non hanno risposto alle ripetute domande di Wall Street Italia in merito. L’Abi ha fatto sapere di non essere mai stata coinvolta nella messa a punto di questo strumento).
Secondo Marco Lo Conte, firma del Sole 24 Ore, l’introduzione della Superanagrafe dei conti correnti potrebbe stimolare gli italiani a cercare un impiego più efficiente delle proprie risorseun impiego più efficiente delle proprie risorse: “Dove ha fallito la scarsa alfabetizzazione finanziaria, potrebbe riuscire ora il Fisco? È lecito chiederselo, ora che assistiamo alla nascita della Superanagrafe, l’occhio dell’Agenzia delle Entrate e della Guardia di Finanza che si occupa di controllare i conti correnti delle persone fisiche, alla ricerca di movimenti sospetti”, scrive Lo Conte.
“Siete sicuri che gli sforzi per dribblare (diciamo così) il Fisco possano essere premiati con le competenze che si hanno a disposizione, o forse non sarebbe più remunerativo concentrare i propri sforzi per una più corretta allocazione delle risorse?”.
L’articolo Risparmio e italiani: sale quota depositi, crollano bond bancari sembra essere il primo su Wall Street Italia.

WP2FB Auto Publish Powered By : XYZScripts.com